Nonna Ucci

on . Postato in Nonna Ucci

nonna_ucciCiao ragazzi!!!
Permettete di presentarmi?
Sono Nonna Ucci, nonna di quattro pargoletti, ma grazie ad una qualche magia lo sono anche di tutti i bambini del Mondo!!!
Sono molto fortunata perché fin da piccola conosco Madrina Betta; una dolcissima Signora davvero molto speciale che mi permette di compiere piccole e fantastiche magie da condividere con tutti voi!
Nonostante la mia età mi diverte giocare, scherzare, ballare, cantare, suonare, ridere … Organizzo giocose merende, invento sempre giochi nuovi e semplici che rallegrano tutti i bambini! Siete pronti a divertirvi con me?!!

Vi voglio raccontare una delle mie incredibili storie, fate silenzio e ascoltate attentamente!

Un giorno d’estate, alcuni anni fa, nel giardino di casa mia, preparavo assieme ad Anna, una delle mie tantissime nipotine, Uno squisito sciroppo di petali di rosa, ottima bevanda dissetante e rinfrescante perfetta per le calde e afose giornate d’estate! All’improvviso Anna si mise a piangere, subito non ne capii il motivo, solo dopo alcuni minuti mi accorsi che un insetto aveva punto la sua gambetta. Che dolore!!! Questo imprevisto interruppe il nostro lavoro e la preparazione dello sciroppo!
Lasciammo l’operazione a metà, preoccupata chiamai in aiuto Madrina Betta!

Betta mi disse di cercare in soffitta, nascosto dentro ad un baule, il Piffero Magico, antico strumento di legno dai sette colori!!!
Una volta trovato il Piffero, suonai alcune note che volarono nell’aria disordinatamente … le riordinai e si compose una magica melodia che chiamò e fece disporre  lungo il vialetto del giardino ogni specie di insetto.

Nel giro di poco tempo coccinelle, api, mosche, cicale, vespe, grilli, cavallette, calabroni, ragni, formiche, farfalline, mi chiesero cosa fosse successo: «Perché ci hai chiamato Nonna Ucci?» Sorpresa dall’accaduto risposi che la mia nipotina Anna era stata pizzicata e desideravo conoscere il responsabile!

Fortunatamente la puntura non era troppo pericolosa, l’insetto, infatti, non lasciò il suo pungiglione all’interno della gambetta di Anna. Il calabrone ormai scoperto, si pentì. Tutti insieme,

per rimediare al guaio, decisero di organizzare un concerto di mezza estate! Ogni insetto intonò al meglio il proprio canto!

Organizzati come orchestrali gli animali eseguirono una musica che si propagò nell’aria, il vento la sospinse in ogni luogo per avvertire ogni insetto di non pungere i bambini! L’orchestra suonò ancora, ma dopo pochi istanti l’incantesimo svanì.
Giunta l’ora del tramonto le lucciole illuminarono la sera ed Anna dimenticò il dolore della puntura, riprese a giocare e anche se fino a quel momento non si era accorta di nulla, percepì nell’aria qualcosa di magico!

I CONSIGLI DI NONNA UCCI
Se ti capita di fare una passeggiata all’aria aperta ricordati di proteggerti con un prodotto specifico, dall’esposizione del sole e dagli insetti! Se ti succedesse di venire pizzicato da qualche calabrone come è accaduto ad Anna individua immediatamente se il pungiglione è rimasto incastrato o meno nella punzecchiatura, se c’è il pungiglione, fatti aiutare a prelevarlo tramite delle pinzette facendo molta attenzione a non romperlo, oppure facendo lieve pressione con due dita come se si trattasse di un foruncolo da far fuoriuscire. Per combattere l’infiammazione versa sulla puntura alcune gocce di limone … il dolore si attenuerà! E’ importante però che tu vada in farmacia e ti faccia consigliare una pomata adatta.

Per organizzare una merenda in giardino prepara Sciroppo di Rose e  Biscotti alle Mandorle.

SCIROPPO DI ROSE
Dosi per 4 persone:
Occorrono 4 bicchieri d’acqua, 4 bicchieri di zucchero, 3 bicchieri di petali di rosa puliti (varietà comunemente usate sono la Muscosa, la Rugosa e la Gallica), un succo di limone.

Preparazione:
Raccogliere le rose, asciutte e pulite, si staccano tutti i petali e si priva ogni petalo della porzione bianca in prossimità dell’attaccatura, in modo da non conferire allo sciroppo un sapore amaro.

Preparare lo sciroppo di zucchero, poi agiungere i petali e il succo di limone, abbassare la fiamma e fare cuocere per 10 minuti. Successivamente spegnere il fuoco e lasciare in infusione per almeno 8 ore.
Filtrare e portare lo sciroppo ottenuto nuovamente ad ebollizione, una volta ben caldo versare il contenuto nei barattoli chiudere bene il tappo e attendere il raffreddamento, conservare in luogo fresco e asciutto!
Potete utilizzare lo sciroppo per decorare il gelato, lo yogurt o una crema. Diluito con acqua si ottiene una buonissima e dolce bevanda fresca e rinfrescante.


BISCOTTI ALLE MANDORLE
Dosi per 4 persone:
70 G Burro, 100 G Mandorle Sminuzzate, 100 G Zucchero, 5 G Lievito Vanigliato, 2 Uova, 150 G Farina Di Riso, 100 G Farina
Preparazione:
Mescolare assieme tutti gli ingredienti, farne delle palline e cuocerle per mezz’ora al forno (150-170 gradi).